Emanuele Ferrari: DEBUSSY, ’Quello che ha visto il vento dell’Ovest’

Claude Debussy dai Preludi, vol.1: Quello che ha visto il vento dell’Ovest

Quello che ha visto il vento dell’Ovest
è uno dei più sconvolgenti e geniali preludi di Debussy. In un pezzo di pochi minuti l’autore condensa un affresco visionario che rimanda alla poesia (L’ Ode al vento occidentale di Shelley), alla filosofia (Il tramonto dell’Occidente di Spengler), e a temi fondamentali della vita umana come la natura, la storia e le catastrofi.

Rovesciando la visione tradizionale del vento come lieto nunzio di primavera o soave confidente del poeta, il pezzo mostra il lato abissale, insondabile e alieno della natura. Debussy mobilita tutte le risorse fisiche e intellettuali del pianista: la musica è animata dal sacro fuoco del virtuosismo che viene da Liszt, ma ha la luce fredda e tagliente dell’arte del Novecento.


La rubrica di Emanuele Ferrari