Stefano Duranti Poccetti: “Faust” di Wagner. Al di là dell’umano..

Faust è solo nel suo studio e sta meditando su questioni ultraterrene. Si sforza di capire la quintessenza del mondo, ma non riesce ad afferrarla. È rinchiuso in questa stanza ombrosa, gotica, angosciante, dove si avverte che prima o poi qualcosa di grandioso dovrà succedere. C’è molta tensione e il pensiero non riesce a comprendere ciò che sta al di sopra della sfera umana e, seppur a tratti ottimista, cade in una disperazione mistica.

ascolta qui le trasmissioni precedenti