Mauro Masiero: Canto del Destino

L’Arte parla a tutti, indifferentemente dall’epoca, dal luogo, dal contesto. E brani come questo ce lo dimostrano. Una grande poesia dal contenuto profondo, messa in musica con altrettanta profondità, sapienza e bellezza: lo Schicksalslied, canto del destino, op. 54 di Johannes Brahms basato su una poesia di Friedrich Hölderlin. Musica magnifica e un esempio eccellente di brano “universale”: cosa può dire a noi ascoltatori del XXI secolo? Il poeta e il compositore – e il loro lavoro che è diventato una cosa sola – dimostrano che la musica ha la capacità di esprimere, sviscerare e trovare la formulazione a questioni profonde, che riguardano la nostra natura. E forse, interiormente a ciascuno, può addirittura servire a comprenderle, vincerle, risolverle.

Contenuti, voce, regia: Mauro Masiero, per RCF Classica

ascolta le precedenti puntate